Sicilia sotto l’anticiclone africano: lo zero termico sfiora i 3.000 metri di altitudine

| Grafica weathersicily.it |

Buonasera amici di weathersicily.it, la nostra isola da circa 48 ore è in balia di un debole anticiclone africano, situato tra l’Algeria, il sud Italia, la Tunisia e la Libia. Tale figura, oltre a farci piombare in un anticipo di primavera, ha portato un consistente aumento delle temperature, in modo particolare in alta quota, dove osservando il radiosondaggio odierno di Trapani Birgi delle ore 12.00, ritroviamo lo zero termico sui 2.906 metri di altitudine. I +6°C di massima registrati quest’oggi a Piano Provenzana (sull’Etna, a 1.800 metri) ne sono la dimostrazione. Neve in forte scioglimento dunque, ma comunque ancora decisamente presente viste le poderose nevicate delle settimane scorse. Secondo il bollettino odierno di MeteoMont sono presenti ancora 55 cm di neve sulle Madonie (quota 1.600 m), 30 cm sui monti Nebrodi (quota 1.500 metri) e 118 cm sull’Etna (quota 1.980 m). Temperature miti si registrano al piano, specie tra trapanese, palermitano, messinese tirrenico e sul settore ionico del catanese-siracusano, dove ritroviamo a tratti ventilazione di caduta meridionale. Durante la giornata odierna, mercoledì 1 febbraio 2017, Palermo (Teatro Massimo) ha raggiunto ben +18,9°C di massima, +17,8°C Catania (Istituto di Agraria), +18,2°C Siracusa, +16,8°C Trapani. Valori di poco inferiori altrove.

| Allegato 1 – Mappa sinottica 1 febbraio 2017 |

Tramite la mappa sinottica in allegato, offerta da meteocentre.com, possiamo perfettamente osservare i tre campi di alta pressione presenti sul territorio europeo. Il primo in pieno Atlantico, dove è presente l’anticiclone delle Azzorre. Il secondo proprio sul nord Africa, chiamato anticiclone africano. Il terzo sull’Europa orientale.

Come ribadito più volte, alta pressione non significa sempre bel tempo, difatti (come accade spesso anche in strutture anticicloniche africane più possenti) si registra diffusa nuvolosità sull’entroterra, questo per via dei venti umidi meridionali, che instaurano la presenza di nubi basse/nebbie, associate a locali piovaschi sparsi.

| Allegato 2 – Ventilazione al suolo, 1 febbraio 2017 |

Ventilazione prossima ad arrivare direttamente dal deserto del Sahara, come accade in buona parte delle campane anticicloniche africane, prossima a caricarsi gradualmente di umidità percorrendo il Canale di Sicilia.

| Temperature minime registrate ieri, martedì 31 gennaio 2017 |

Anticiclone è anche sinonimo di inversioni termiche, nelle ultime 48 ore difatti non sono mancati valori minimi notevoli durante le ore notturne e al primo mattino, specie sulle zone non interessate da ventilazione e nuvolosità. Il debole anticiclone africano ha portato come di consueto anche velature diffuse, tipiche in caso di correnti meridionali in quota.

A fare da cornice una poderosa irruzione di aria fredda polare sul nord-ovest europeo, che comunque al momento non sta apportando influenze sulla nostra regione. Lo farà solo a partire da sabato 4 febbraio 2017, quando la depressione atlantica, inoltrandosi nel cuore della Francia, instaurerà lo restringimento delle isobare lungo il Mediterraneo, attivando moderata/forte ventilazione di libeccio, nonchè un evidente flusso zonale sul Mediterraneo.

| Allegato 5 – Mappa sinottica a 500 hpa per giovedì 2 febbraio 2017 |

Nel frattempo durante la giornata di giovedì 2 febbraio 2017 l’anticiclone africano tenderà a spostare il suo baricentro verso levante, raggiungendo un valore pressorio fino ai 1030 hpa, proprio tra la Libia e l’Egitto, come è possibile osservare dalla carta sinottica a 500 hpa elaborata dal centro di calcolo Gfs. L’anticiclone delle Azzorre eseguirà una manovra simile, spezzando l’attuale flusso atlantico presenta tra la penisola Iberica e il Marocco. La nostra isola avrà ancora a che fare con tanto tepore, accompagnato da nuvolosità alta africana. Attesi valori termici simili o di poco superiori a quelli odierni. Per quanto riguarda la situazione attesa per il weekend vi diamo appuntamento a domani, con tutti i dovuti dettagli.

01/02/2017 ore 18:18 – ©weathersicily.it

Autopromozione

Seguimi su

Simone Pecorella

Ideatore, dirigente, grafico, previsore e redattore di Weather Sicily.
Seguimi su


Le previsioni meteorologiche e tutti i servizi offerti da Weather Sicily sono gestiti da appassionati di meteorologia, curate sulla base delle informazioni dei modelli matematici, aggiornate con la massima precisione possibile. Appassionati che seguono da anni la meteorologia siciliana e che hanno maturato nel tempo una certa competenza sul campo.

Weather Sicily non potrà essere considerata responsabile per ogni o qualsiasi danno che potesse derivare a soggetti giuridici terzi, società, enti o persone in relazione all'uso delle previsioni meteorologiche. In nessun caso sarà responsabile per qualsiasi tipo di danno, inclusi, senza limitazioni, i danni derivanti dalla perdita di beni, profitti e redditi, danni biologici, quelli derivanti dal costo di ripristino, di sostituzione, od altri costi similari, diretti od indiretti, incidentali o consequenziali, ovvero anche solo ipoteticamente collegabili con l’uso delle previsioni meteorologiche.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

La documentazione, le immagini, i caratteri, il lavoro artistico, la grafica, il software e gli altri contenuti del sito, tutti i codici e format scripts per implementare il sito, sono di proprietà di Weather Sicily. Il materiale contenuto nel sito Web è protetto da copyright. E' fatto, pertanto, divieto di copiare, modificare, caricare, scaricare, trasmettere, pubblicare, o distribuire per se stessi o per terzi per scopi commerciali se non dietro autorizzazione scritta.

E' consentita la condivisione di news e dati a condizione di citare il nostro sito. I Widget da noi offerti sono gratuiti e usufruibili a tutti coloro i quali volessero prelevarli.