Terremoto del Belice, 50 anni dalla terribile tragedia

| Prima pagina giornale l’Unità il 16/01/1968|

• 50 anni fa, 14 gennaio 1968, sono le 13:28, una prima scossa. Gravi danni a Montevago, Gibellina, Poggioreale e Salaparuta. Panico, gente in strada. Qualche ora dopo, un’altra, più forte, sentita fino a Palermo e Trapani. Il peggio sembra passato, è notte. Avviene l’insperabile, una fortissima scossa di M6.4 che, alle 3:01 della notte tra il 14 e il 15 gennaio, causò gli effetti più gravi. Danni ingenti a Gibellina, Montevago, Santa Maria del Belice, Salemi e Partanna. Più di 400 morti, migliaia di feriti e 60.000 sfollati.

Questi i dati di una delle più grandi tragedie della nostra isola. Molti se la ricordano, ancora ne parlano. Quel giorno, quasi l’intera isola tremò per l’effetto delle onde generate dal sisma della Valle del Belice, una valle che si estende per vari km tra le provincie di Palermo, Trapani e Agrigento, nella quale sono attive diverse faglie del dominio dell’avampaese siciliano.

Sismogramma del terremoto del Belice del 15 Gennaio 1968, registrato dalla stazione di Messina. |Fonte INGV|

 

Oggi, a distanza di 50 anni, non vi è ancora chiarezza su quale sia la vera struttura geologica che ha interessato la sequenza. Secondo recenti studi geofisici realizzati in mare, è stata rilevata, nell’area compresa tra Marsala e Castelvetrano, l’esistenza di strutture e forme tipiche delle faglie inverse e vengono evidenziate come dislocazioni piuttosto recenti, all’interno delle calcareniti che costituiscono il fondale. Sono state anche osservate intense emissioni di gas, legate proprio alla presenza stessa della faglia che permette la facile risalita dei gas lungo la sua estensione verticale.

Questo tratto di faglia, secondo gli autori del lavoro, è probabilmente da considerare come la sorgente sismotettonica dei terremoti che hanno distrutto, in due riprese, la fiorente città di Selinunte tra il V-IV secolo A.C. e il 701 D.C.

.

Area della Sicilia Occidentale in cui è nettamente visibile la deformazione associata al movimento del tratto di faglia tra Campobello e Castelvetrano.  |FonteINGV|

Dopo decenni di interminabili lavori, la Valle del Belice si è lentamente risollevata e gli antichi paesi sono stati nuovamente ricostruiti, molti dei quali (solo dopo referendum voluti dai sindaci dei vari paesi) lontano dai luoghi originari distrutti dal sisma.

Oggi, la Valle del Belice è nuovamente vivibile, anche se non tutti, purtroppo, sono stati “ripagati” da tutto ciò che la natura gli ha portato via.

Ciò che resta della Chiesa dei Santi Pietro e Paolo di Montevago (AG).

Vista del comunde di Gibellina (TP) subito dopo il sisma

Casa disrutta dal sisma a Montevago (AG)

14/01/2018 ore 18:00 – ©weathersicily.it



Le previsioni meteorologiche e tutti i servizi offerti da Weather Sicily sono gestiti da appassionati di meteorologia, curate sulla base delle informazioni dei modelli matematici, aggiornate con la massima precisione possibile. Appassionati che seguono da anni la meteorologia siciliana e che hanno maturato nel tempo una certa competenza sul campo.

Weather Sicily non potrà essere considerata responsabile per ogni o qualsiasi danno che potesse derivare a soggetti giuridici terzi, società, enti o persone in relazione all'uso delle previsioni meteorologiche. In nessun caso sarà responsabile per qualsiasi tipo di danno, inclusi, senza limitazioni, i danni derivanti dalla perdita di beni, profitti e redditi, danni biologici, quelli derivanti dal costo di ripristino, di sostituzione, od altri costi similari, diretti od indiretti, incidentali o consequenziali, ovvero anche solo ipoteticamente collegabili con l’uso delle previsioni meteorologiche.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

La documentazione, le immagini, i caratteri, il lavoro artistico, la grafica, il software e gli altri contenuti del sito, tutti i codici e format scripts per implementare il sito, sono di proprietà di Weather Sicily. Il materiale contenuto nel sito Web è protetto da copyright. E' fatto, pertanto, divieto di copiare, modificare, caricare, scaricare, trasmettere, pubblicare, o distribuire per se stessi o per terzi per scopi commerciali se non dietro autorizzazione scritta.

E' consentita la condivisione di news e dati a condizione di citare il nostro sito. I Widget da noi offerti sono gratuiti e usufruibili a tutti coloro i quali volessero prelevarli.